In Della scienza By Svetlana

Sleng, o le espressioni colloquiali più comuni

. «J. B. Greenough e John L. Kittridzh Slang descritti come segue: gergo — il linguaggio-vagabondo che si aggira intorno al linguaggio letterario e sta costantemente cercando di farsi strada per la società più sofisticato. Il termine gergale insieme diversi fenomeni — gergo, parole ed espressioni colloquiali inerenti vivente comunicazione informale, formazione casuale derivanti da associazioni letterarie, di parola e di espressione figurativa, «- scrive Wikipedia. Ritengo sia necessario mettere questa citazione in questo articolo, come un confronto con lo slang hobo, cercare di ottenere nella società alto, estremamente accurata. Il fatto che ci sentiamo molto sottilmente, quando utilizzare una particolare espressione nella lingua madre, ma quando si tratta di lingue straniere, la nostra percezione è fortemente distorto, e questo sentimento ci porta spesso.

Cominciamo con le parole più comuni che sono spesso sentito nel linguaggio quotidiano — wanna gonna gotta shoulda woulda coulda gotcha kinda sorta y’all

Tutte queste parole è considerata americanismi, ma sono comuni al di fuori degli Stati Uniti e capito quasi tutti di lingua inglese.

  • Wanna = want to

    I wanna stay here for a couple of days. – giorni. I wanna stay here for a couple of days. – I wanna stay here for a couple of days. – Voglio stare qui per un paio di giorni.

  • Gonna = going to

    I am gonna study tonight. – I am gonna study tonight. – Sto andando a lavorare fuori la sera.

  • Gotta = have got to o have to Ad esempio:

    Gotta go! – Gotta go! – Devo andare!

  • Shoulda = should have done
  • Woulda = would have done
  • Coulda = could have done

Permettetemi di ricordarvi che il progetto should have done è utilizzato in una situazione in cui vogliamo dire che avrebbe dovuto fare qualcosa nel passato, ma lo facciamo per qualche motivo non ha fatto. Utilizzando should have done ci dispiace e esprimiamo critiche:

I should have told him the truth right away. – via. I should have told him the truth right away. – I should have told him the truth right away. – Abbiamo avuto lui subito a dire la verità.

You should have asked me before taking my car. – macchina. You should have asked me before taking my car. – You should have asked me before taking my car. – Dovevi chiedermi prima di prendere la mia macchina.

Usiamo would have done quando si parla di situazioni irrealistiche o ipotetiche in passato:

I think she would have said “ yes ” that evening, but I didn’t have a chance to speak to her. – quella sera, ma non ho avuto la possibilità di parlare con lei. I think she would have said “ yes ” that evening, but I didn’t have a chance to speak to her. – I think she would have said “ yes ” that evening, but I didn’t have a chance to speak to her. – Penso che lei avrebbe detto «sì», quella notte, ma ho avuto la possibilità di parlare con lei.

Usiamo could have done a speculare sul passato o per esprimere critiche, dicendo che qualcuno avrebbe potuto fare qualcosa nel passato, ma non fare:

You could have warned me in advance! – You could have warned me in advance! – Avresti potuto avvertito in anticipo!

He could have left earlier – poteva lasciare presto. (Forse se n’è andato prima.)

Bouquet di rimpianti sul passato raccolte nel coro della famosa canzone Beverley Knight Shoulda Woulda Coulda

Now «Shoulda woulda coulda,» means I’m out of time
Coz «Shoulda woulda coulda», can’t change your mind
And I wonder, wonder, wonder what I’m gonna do
«Shoulda woulda coulda» are the last words of a fool

Deplora sulle opportunità perse e Jamie Woon:

Walked when I shoulda run
Ran when I shoulda walked
And don’t I know it
And don’t I know it

Questo video è il testo di tutte le sue canzoni. Un po ‘distratto dal tema slang e rilevo che, in questo video di canto, molto comodo per la formazione pronuncia e ascolto.

Va notato che la shoulda woulda e coulda molto comune nelle moderne canzoni popolari, soprattutto quando si tratta di relazioni sentimentali, dove le cose potrebbero essere diverse. Penso che un sacco di facile da ricordare alcune di queste canzoni.

Torniamo al resto delle espressioni di cui sopra.

  • Gotcha = got you — colloquiale «capire te.»
  • Y’all = you all

    He’s got a big surprise for y’all. – He’s got a big surprise for y’all. – Ha una grande sorpresa per tutti voi.

  • Kinda = kind of

    He’s kinda busy. – He’s kinda busy. – E ‘sorta di occupato.

  • Sorta = sort of

Sorta come pure kinda utilizzato colloquialmente nel valore di simile, come, più o meno. Nelle espressioni stilistiche colorazione più vicini alla nostra specie, o anche qualcosa di simile. Queste parole sono spesso utilizzati da relatori di spiegare qualcosa, indicando alcuni inesattezza o difficoltà a trovare le parole. Ad esempio, è difficile descrivere a parole l’odore, quindi una revisione di profumi parola kinda può essere visto frequentemente. It’s kinda light but at the same time it’s got a deep, spicy base — dice una delle descrizioni promozionali di sapore Coco Mademoiselle

La gente spesso inseriti nel suo discorso kinda quando una difficoltà nel descrivere le emozioni. Così un gruppo di Blue nella sua hit One Love canta: It’s kinda funny how life can change… Kinda in questa linea ci mostra l’inesattezza della formulazione, perché in realtà la situazione di cui al brano non sono così ridicoli.

Parlando di slang e linguaggio colloquiale, vale la pena menzionare separatamente smentita ain’t Di solito è utilizzato al posto del am not are not e do not does not did not Spesso basata ain’t formata doppia negazione ain’t no come, ad esempio, il leggendario «Is Ain’t No Sunshine

Ain’t no sunshine when she’s gone
It’s not warm when she’s away
Ain’t no sunshine when she’s gone
And she always gone too long anytime she goes away, hay

Wonder this time where she’s gone
Wonder if she’s gone to stay
Ain’t no sunshine when she’s gone
And this house just ain’t no home
Anytime she goes away (anytime she goes away)

Erano i termini colloquiali più comuni che sono comprensibili a quasi tutti di lingua inglese, nella maggior parte dei paesi. In conclusione, voglio tornare a parlare la colorazione stilistica di queste espressioni, nonché per il fatto che a volte, cercando di essere più come madrelingua, cominciamo ad abusare di tali espressioni.

Non si dovrebbe mai usare una tale espressione:

  • lettere ufficiali, questionari, riassunti, corrispondenza commerciale;
  • in corrispondenza con gli sconosciuti via e-mail e Skype;
  • quando si comunica al forum su temi seri, come ad esempio lo studio di qualsiasi cosa.

C’è una tecnica semplice da capire fino a che punto tali espressioni sono stilisticamente appropriata per la situazione — immaginate di non comunicare in inglese e in russo. Se si potesse dire o scrivere al tuo amico, «Che» al posto di «che cosa», «cespuglio? «Invece di» andare? «» No «invece di» no «,» sì «invece di» sì «,» Non molto strano «piuttosto che» non molto buono «e così via D.. — L’espressione di cui all’articolo abbastanza appropriato. Altrimenti non li dovrebbe usare. Naturalmente, per esempio, la parola «Che» avrebbe suonato canzone pop russo in alcuni paesi, mentre inglesi wanna gonna gotta shoulda woulda coulda gotcha kinda sorta y’all sentito nelle loro canzoni molto armoniosi Tuttavia, una volta in un contesto formale, queste forme colloquiali saranno percepiti dai vostri lettori o ascoltatori esattamente come sembra a noi russa «Che».

Eccellente arena per tali espressioni colloquiali può essere un romanzo, articolo, storia, storia, descrizione arte, dove l’obiettivo dell’autore è più naturale e vivido trasmettere i personaggi comunicano, lo stress è parlato, stile rilassato. Così gli eroi dello scrittore di fama mondiale George. Rowling per tutti i libri dicono dunno invece don’t know Penso che il lettore attento troverà Rowling e di altri scrittori famosi sono ancora molti esempi.

 

Della scienza

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>