In Procedimento By Julia

La vera Marilyn Monroe

I don’t mind living in a man’s world
as long as I can be a woman in it.

Marilyn Monroe

Parlando di Marilyn, in memoria galleggiante associazioni banali — biondo platino con una figura perfetta, Happy Birthday Mr. President Happy Birthday Mr. President gonna svolazzante sopra l’apertura di ventilazione, «A qualcuno piace caldo». Per più di 50 anni, non è più vivo, e la bellezza femminile è ancora confrontato con lei come una sorta di punto di riferimento. Ricordava, la sua gioia, la sua immagine ancora cercando di ricreare, ma, credo, senza alcun risultato. Il recente film «7 giorni e notti con Marilyn» My week with Marilyn con Michelle Williams nel ruolo del titolo, sembrava una parodia patetica del reale Marilyn. Ha appena unico, è impossibile trasferire o trasmettere di nuovo. Ma quello che era nella vita reale?

In realtà, ci sono pochissimi video intervista con la sua partecipazione. E ‘qui che si può guardare il lato MM, per sentire la sua voce e vedere che è pieno di fascino e femminilità.

A career is wonderful, but you can’t curl up with it on a cold night.

In questa intervista (1954) Marilyn racconta il film «The Seven Year Itch» The Seven Year Itch La stessa dove lei indossa un abito bianco in piedi su un portello di ventilazione. Tra l’altro, questa scena ripetizione dell’esercizio 40 volte. Inizialmente, le hanno sparato a Manhattan, all’angolo tra 52nd Street e Lexington Avenue. Tutto questo è accaduto il 15 settembre 1954 in mattinata. Diverse migliaia di spettatori venuti a vedere la bella bionda, che fischiavano e gridano i complimenti, a causa del rumore del regista è stato in grado di inserire la scena e ha deciso di ri-girare in studio padiglione 20th Century Fox

Lee Strasberg divenne una specie di mentore MM. A quel tempo era uno dei più famosi insegnanti di recitazione, un genio riconosciuto. Monroe ha cominciato a prendere lezioni private presso il suo studio marzo 1955 su consiglio del suo amante, il regista Elia Kazan. Classi MM comportato molto tranquillamente, non isolata e sempre in ritardo. Ma Strasberg ammirato la sua MM è diventato il suo più famoso allievo. Monroe poi lasciato in eredità il suo archivio di oggetti personali, e dopo la sua morte, lo strumento ha il diritto di disporre di loro a sua discrezione. Ha avuto anche il diritto di usare la sua immagine, sulla quale hanno guadagnato più di un milione. Dopo la morte di sua moglie Marilyn Strasberg ha venduto oggetti personali all’asta.

L’intervista dà al MM, in occasione del suo ritorno a Los Angeles e società di produzione di base Marilyn Monroe Productions che ha svolto con Lee Strasberg.

I have feelings too. I am still human. All I want is to be loved, for myself and for my talent.

Longest alleanza matrimonio con Marilyn divenne famoso drammaturgo Arthur Miller. Al momento si sono incontrati a Hollywood Arthur ero sposato, così si sono incontrati in segreto. MM ha detto che ha richiamato alla sua intelligenza. Arthur ancora ha deciso di lasciare la sua famiglia e sposò MM 19 giugno, 1956. Per lui, questo matrimonio è stato difficile, il drammaturgo non poteva scrivere per 4 anni non una sola riga. Come risultato, essi hanno lasciato a causa di «caratteri diversi.»

Poi si può vedere il video del matrimonio fatta in casa:

I guess I have always been deeply terrified to really be someone’s wife since I know from life one cannot love another, ever, really.

L’intervista che segue dà MM dopo il suo matrimonio con Arthur Miller:

Hollywood is a place where they’ll pay you a thousand dollars for a kiss and fifty cents for your soul.

Sposato con Miller a Monroe e non è riuscito a realizzare il suo sogno — di diventare madre. Lei è molto preoccupato, depresso e guadagnando 9 kg. Nel 1958, torna a Hollywood e iniziare le riprese uno dei suoi film di maggior successo — «. A qualcuno piace caldo» Questa intervista dà MM subito dopo il suo ritorno:

First, I’m trying to prove to myself that I’m a person. Then maybe I’ll convince myself that I’m an actress.

Adorato da tutti — la stessa cosa che chiunque di favorito. MM soffriva di solitudine, depressione, mancanza di fiducia nei professionisti. Mentalità instabile, potente pillola come migliori amici e solitudine sconfinata rovinato.

Ecco la sua risposta alla domanda se si sente fortunata (1960):

Posso dire che dopo averlo visto, ho visto un’intervista con Marilyn occhi diversi. Non come una femme fatale e sensuale bionda, ma come un dolce, morbido, donna intelligente con un sorriso eccezionale. Come sapete, lei non ha avuto una corretta educazione, ma è costantemente cercando di leggere e ovunque portato un libro. A tutte queste domande risponde educatamente, al punto e con un sorriso.

La più famosa canzone di Marilyn era il I wanna be loved by you Vi suggerisco di guardare il video e leggere il testo (canzone vocabolario è abbastanza facile, e un bel po ‘, in modo da non fermare la loro attenzione su di esso):

I wanna be loved by you
just you and nobody else but you
I wanna be loved by you — alone.
Boo boo bee doo

I wanna be kissed by you
just you and nobody else but you
I wanna be kissed by you — alone.
Boo boo bee doo

I couldn’t aspire
to anything higher
and to feel the desire
to make you my own.
Badum badum bee doodily dum! Boo!

I wanna be loved by you
just you and nobody else but you
I wanna be loved by you — alone.
Boo boo bee doo

I couldn’t aspire
to anything higher
and to feel the desire
to make you my own.
Badum badum bee doodily dum! Boo!

I wanna be loved by you
just you and nobody else but you
I wanna be loved by you
Ba deedily deedily deedily dum
Boo boo bee doo!

In questo articolo ho coperto l’intera biografia di MM. Spero che tu lo sai. Dopo aver preso confidenza con il destino di Marilyn mi viene in mente il proverbio «Non nato bello, e nato felice.» Ogni società umana percepisce per la sua strada, e ognuno di noi ha una serie di ruoli vitali. Ma la vera essenza è nascosta nel profondo. Spero che con l’aiuto di una video intervista siete riusciti un po ‘per scoprire la meravigliosa personalità di Marilyn.

 

Procedimento

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>