In Della scienza By Inna

Insegnante di inglese

Professione «maestro», un tempo uno dei più onorevole, ora, ahimè, è diventata sinonimo di «perdente». Situazione particolarmente deplorevole con gli insegnanti della scuola. «Loser», il più cortese che riesce a sentire l’insegnante della scuola da parte degli studenti dietro di lui. Quasi non si accorgono di quello che stanno facendo per loro, queste persone fantastiche. Questo lavoro affascinante e, secondo gli studenti, ribollente dietro le porte di banche, uffici di lusso. … Ma comunque, dopo anni di seduta in questi stessi uffici, che sono calde e gratitudine ricordo di coloro che ha posto le basi di una carriera di successo.

Professione «insegnante di inglese»

Cosa potrebbe essere più complicato a prima vista, nella lezione? Nulla è più facile: di aprire il libro di testo, leggere, spiegare le regole. Tutto il resto (come imparare) — problemi degli studenti. Ma si scopre, la professione, «insegnante di inglese» non è meno emozionante rispetto, ad esempio, «giornalista». Insegnante di occupazione inglese include elementi tali professioni come psicologo, un critico d’arte, scrittore, regista, storico, attore, organizzatore, e anche i militari.

Insegnante di scuola — è generalmente una persona unica, e alcuni genitori farebbero bene a ridurre il numero di epiteti offensivi per il tuo erede vocabolario nei confronti del docente. Oltre insegnante pressione atmosferica costantemente sentire gli effetti di tre componenti obbligatorie della loro professione: amministrazione, bambini, genitori. E se un legame media è quasi sempre possibile trovare un linguaggio comune, con le rimanenti unità in un’ora è molto difficile. È a causa di queste scuole spesso perdono le loro migliori combattenti di alfabetizzazione, e ieri gli insegnanti di talento oggi sono venditori mediocri, impiegati … I giovani insegnanti inglesi hanno bypassato scuola di partito come luogo di lutto. Ma essi — i proprietari delle nuove tecniche che spesso non rientrano nella macchina curriculum secolare oliati.

E i draghi più importanti e quasi invincibili: il quartiere, il Dipartimento Educazione e Min. Istruzione — la gente, a mio parere, in genere tagliati fuori dalla realtà. Quindi voglio mandarli a loro pianeta natale. Il fatto che «consigliano» loro e che ha realmente bisogno la scuola, per usare un eufemismo, non è la stessa.

Ma, a dispetto di tutto quanto sopra, ci sono persone che credono nella necessità della loro professione. Lavorano 18-20 ore al giorno e 45 minuti di dedicare tempo a gestire quasi tutti gli studenti (in classe un insegnante di inglese nelle nostre scuole insegnano 15-20 studenti).

Un’altra cosa è un insegnante di inglese presso l’istituto, università, accademia. Queste persone si sentono più liberi, perché fare scienza non è solo consigliato, ma anche sottilmente fatto un dovere. Solo che non tutti sanno che spesso ottenere il diploma scientifico non dipende input di lavoro, ma da una semplice cosa banale — denaro. Il denaro — è il male, e il male non è affatto sufficiente per far fronte a questo ostacolo. Ma debole ora germoglio dopo ora colpito ignoranza duro asfalto, e molte persone di talento ancora scrivono le loro opere uniche pubblicato libri ed è giustamente chiamato la parola sacra «professore».

Piuttosto una categoria diversa — l’insegnante di corsi di lingua inglese, o uno specialista insegnamento della lingua inglese via Skype. In genere, questo è un lavoro ben pagato. Queste persone sono sempre a conoscenza di tutte le nuove aree della linguistica e avere l’opportunità di applicare nuove tecniche nella pratica e spesso lavorano in tandem con madrelingua.

Eppure, nonostante l’enorme numero di problemi della professione, rimane uno dei più importanti, o chi altro per spiegare ciò che vogliono «infedeli»?

 

Della scienza

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>