In Della scienza By Natalia

Help! I do not get it! Help! I do not get it! Le difficoltà incontrate nei rapporti con gli stranieri

Sicuramente nel vostro lavoro, o semplicemente comunicare con gli stranieri, almeno una volta una situazione simile è sorto. Alcune parole o frasi che non si conosce o parlare con un accento di utilizzo, non si capisce. Come risolvere il problema da soli? Ecco alcuni suggerimenti.

Nel mondo del business internazionale, la maggior parte di noi sono abituati a comunicare con le persone che hanno una varietà di conoscenze linguistiche. Comunicazione con nativo native speakers e non madrelingua non-native speakers può essere estremamente difficile, a volte. I vettori spesso parlano in modo rapido e usare un linguaggio idiomatico idiomatic language che non sono familiari a persone che stanno imparando l’inglese. E spesso non sappiamo cosa fare in un caso del genere.

Qui, per esempio, il dialogo tra Colin, un madrelingua dal Regno Unito, e Thomas, il suo collega austriaco:

Colin: Remember that tender we’ve applied for? I’m afraid we’ve come up against a brick wall. Remember that tender we’ve applied for? I’m afraid we’ve come up against a brick wall. un muro di mattoni. Remember that tender we’ve applied for? I’m afraid we’ve come up against a brick wall.
Tomas: A brick wall?
Colin: Yes. That tender manager, Jones, or whatever his name is, he’s so hard-nosed. Yes. That tender manager, Jones, or whatever his name is, he’s so hard-nosed. il suo nome è, è così a muso duro. Yes. That tender manager, Jones, or whatever his name is, he’s so hard-nosed.
Tomas: Hard-nosed?
Colin: Yes. Bloody-minded. Pig-headed. To put it in a nutshell: we got turned down flat. Yes. Bloody-minded. Pig-headed. To put it in a nutshell: we got turned down flat. siamo rivolti giù piatto. Yes. Bloody-minded. Pig-headed. To put it in a nutshell: we got turned down flat.
Tomas: Eh??!

Colin: Vi ricordate la gara, per la quale abbiamo applicato? Ho paura che abbiamo raggiunto un punto morto (lettere. «Di fronte a un muro di mattoni»).
Tommaso: un muro di mattoni?
Colin: Sì. La testa della gara, Jones, o come diavolo si chiama, è inflessibile (lettere. «Tverdonosy»).
Thomas: Tverdonosy?
Colin: Sì, è assetati di sangue (le lettere «Con una mente sanguinosa».), Ostinati (lettere «Svinogolovy».). In una parola (sempre con te «In poche parole».): Siamo categoricamente negato (. Le lettere «Abbiamo messo flat»).
Thomas: Che cosa ??! (si prega di ripetere quanto sopra)

Come si può vedere, Thomas non ha idea has no idea che cosa dice Colin. Ma piuttosto che fermarlo e gli ha chiesto di spiegare gli permette di parlare sempre di più. E quello che avevo da dire, invece? Qui ci sono alcune frasi utili:

Sorry to interrupt, but I’m not quite sure what you’re trying to tell me. — del tutto sicuro di quello che stai cercando di dirmi. Sorry to interrupt, but I’m not quite sure what you’re trying to tell me. — Sorry to interrupt, but I’m not quite sure what you’re trying to tell me. — Mi scusi se la interrompo, ma non sono abbastanza sicuro di quello che stai cercando di dirmi.

I’m a bit confused. Would you mind explaining that? — I’m a bit confused. Would you mind explaining that? — Sono un po ‘confuso. Potrebbe spiegare a me?

Sorry. What does “ hard-nosed ” mean? — Sorry. What does “ hard-nosed ” mean? — Mi scusi, che significa “ hard-nosed ” ?

Si prega di notare che queste proposte contengono le parole di addolcimento come sorry (scusate), a bit po’), not quite (non del tutto, non del tutto). Questo è un buon modo per specificare fatti spiacevoli senza aggressività.

Accenti, difficile da capire

La situazione cambia leggermente se l’altra persona — non madrelingua a non-native speaker o parla con un accento locale a regional accent Potrebbe essere necessario un po ‘di tempo per capire la sua pronuncia pronunciation Ecco un modo educato per chiedere aiuto polite ways of asking for help

Sorry, could you repeat that, please? — Sorry, could you repeat that, please? — Spiacenti, potrebbe ripetere?

Pardon (me)? — Pardon (me)? — Chiedo scusa! Scusi (me)?

Se il problema persiste, potrebbe essere necessario prendere la colpa per i problemi in comunicazione su:

I’m afraid my English isn’t very good. Could you say that again more slowly, please? — buono. I’m afraid my English isn’t very good. Could you say that again more slowly, please? — per favore? I’m afraid my English isn’t very good. Could you say that again more slowly, please? — I’m afraid my English isn’t very good. Could you say that again more slowly, please? — Ho paura che il mio inglese non è molto buono. Potrebbe ripetere lentamente?

Se questo non funziona, si può chiedere:

Could you write that down for me, please? — per favore? Could you write that down for me, please? — Could you write that down for me, please? — Potresti scrivere per me?

Sorry, I didn’t understand that word. Could you spell it for me, please? — Sorry, I didn’t understand that word. Could you spell it for me, please? — Mi dispiace, non ho capito una parola. Potete pronunciare per me per magia?

Chiediamo e confermiamo

Quando non si è abbastanza sicuri della correttezza delle informazioni ricevute, molto buono metodo aiuta peresprashivaniya o delle domande di confermano sentito. Ad esempio:

To make sure that I haven’t misunderstood anything: was the answer yes or no? — nulla: era la risposta sì o no? To make sure that I haven’t misunderstood anything: was the answer yes or no? — To make sure that I haven’t misunderstood anything: was the answer yes or no? — A dire il vero, tutto quello che ho capito bene: la risposta è stata «sì» o «no»?

So, in other words, are you saying that they said no? — dicendo che hanno detto di no? So, in other words, are you saying that they said no? — So, in other words, are you saying that they said no? — Quindi, in altre parole, lei sta dicendo che hanno detto «no»?

Does that mean that you didn’t get the job? — il lavoro? Does that mean that you didn’t get the job? — Does that mean that you didn’t get the job? — Vuol dire che non ha ottenuto un posto di lavoro?

Mi auguro che queste frasi semplici, ma a volte essenziali saranno una piacevole scoperta per voi e aiutarvi nella risoluzione di eventuali problemi di comunicazione con gli stranieri al lavoro, e proprio nella vita quotidiana.

 

Della scienza

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>